Altre notizie

Al Teatro Regio un magico “Pinocchio” per bambini… di tutte le età!

Nel mese di marzo tornano sulla scena del Regio le avventure del burattino più conosciuto e amato al mondo, protagonista sempre giovane di uno dei più belle pagine della letteratura italiana (benché inspiegabilmente spesso...

La mia “Agnese” si svolge in un mondo leggero e ironico. Intervista a Leo...

Il 12 marzo debutta al Teatro Regio, in prima assoluta in tempi moderni, Agnese di Ferdinando Paer. È la storia di Uberto, padre di Agnese, che impazzisce di dolore credendo morta la figlia, ma...

“Agnese” senza tagli è un’opera straordinaria. Intervista a Diego Fasolis

Diego Fasolis è considerato da tempo tra i punti di riferimento internazionali per il repertorio barocco. Dirigerà Agnese di Paer, in scena al Teatro Regio di Torino dal 12 al 24 marzo 2019. Con Agnese...

La profonda umanità della Messa in do minore di Mozart. Intervista a Omer Meir...

Affermato a livello mondiale, presenza costante nelle sale da concerto e nei teatri d’opera più prestigiosi in Europa e non solo – in autunno era al MET di New York –, prossimo a ricoprire...

«Le differenze ci arricchiscono e ci spingono a superare i nostri limiti» Intervista al...

La storia del Quartetto Belcea, lunga 25 anni, è costellata di riconoscimenti, incisioni e cambiamenti. Al suo ritorno a Torino il 27 marzo, per la stagione dell’Unione Musicale, si presenta con una formazione nuova...

Torno con gioia all’Auditorium del Lingotto, dov’è iniziata la mia carriera. Intervista ad Antonello...

Il torinese Antonello Manacorda vive da diversi anni a Berlino, la sua carriera di direttore d’orchestra si svolge tra Vienna, Londra, New York, Monaco di Baviera… ma tornare a Torino, e soprattutto all’Auditorium del...

«Il concerto del futuro è un mix di tradizione e audaci scambi tra culture»...

A marzo l'Orchestra Filarmonica di Torino ci invita ad assaporare le note di Beethoven, Strauss e Hindemith in un viaggio a più tappe e in tutta calma. Si comincia domenica 24 alle ore 10 con...

Il progresso inevitabile: Brahms e la Seconda Scuola di Vienna in concerto

Schönberg non considerava la sua musica e quella dei suoi allievi, Berg e Webern, come il frutto di una rivoluzione dirompente, bensì come la conseguenza logica di un’evoluzione inarrestabile. Anello fondamentale di quella catena...